Mangiare fuori casa: consigli per non sgarrare troppo

Se state seguendo una particolare dieta o più semplicemente volete mantenervi in forma anche concedendovi qualche strappo di tanto in tanto, ecco alcuni consigli che vi permetteranno di mangiare in modo intelligente anche quando siete costretti o scegliete deliberatamente di mangiare fuori casa.

Leggeteli con attenzione, siamo sicuri che potranno esservi davvero molto utili nel momento in cui si presenterà l’occasione di mangiare fuori casa.

Scegliere oculatamente dove andare

Su internet è possibile trovare informazioni approfondite sulla maggior parte di ristoranti, trattorie e tavole calde. Analizzate i loro menu cercando quei piatti sfiziosi ma anche salutari che non trovate tutti i giorni nella vostra dieta preferendo verdure, pesci e carni cotte alla griglia. Stampate i menu e confrontateli optando per quelli che si adattano meglio alle vostre esigenze.

Prenotate un tavolo in un posto tranquillo

Scegliere il tavolo in una zona tranquilla del locale è indispensabile non solo per evitare il fastidio dei rumori o il passaggio di clienti e camerieri ma anche perché è stato dimostrato che coloro che siedono nelle parti più fastidiose del locale, come ad esempio vicino ad un televisore, ad un corridoio o ad una porta, sono spinti a mangiare molto di più. Il motivo è che in tali condizioni ci si distrae al punto di perdere il controllo di quanto cibo si sta consumando. Se necessario, aspettate che si liberi un buon tavolo piuttosto che accettarne uno in un’area troppo animata.

Ordinate sempre per primi

Questo piccolo trucco vi permette di evitare le tentazioni… Infatti, se ordinate per primi qualcosa di leggero, soffrirete di meno quando gli altri commensali sceglieranno i loro invitanti piatti ed avrete meno possibilità di ripensare alla vostra scelta. Evitate anche di chiedere al cameriere di elencarvi le specialità del locale ma andate dritti all’ordinazione. Inoltre, se vi trovate in un ristorante di cui siete abituali frequentatori, chiedete il vostro piatto senza aprire il menu.

Resistere alle tentazioni prima del pasto

L’attesa dei piatti è forse la parte più difficile da affrontare quando ci si siede al tavolo di un ristorante. E’ in tali frangenti infatti che si verificano la maggior parte dei danni per il vostro corpo. In attesa di essere serviti, state alla larga dal pane, dai grissini e dai piccoli antipasti quasi sempre ricchi di grassi e calorie di cui non avete alcun bisogno. Se pensate di non essere in grado di resistere chiedete al cameriere di non portarli in tavola.

Personalizzare i vostri piatti

Prima di ordinare, non abbiate paura di fare richieste particolari. Ad esempio, chiedete se un piatto particolare può essere cucinato al forno o alla griglia piuttosto che essere fritto. Inoltre, non dimenticate di non fare aggiungere sale al vostro cibo, sarete voi a dosarne le quantità desiderate al tavolo. Sostituire alcune “allettanti” pietanze classiche come le patatine fritte con quelle cotte al forno vi sarà utile per non appesantirvi senza provarvi comunque di un piacere.

Evitate i piatti di pasta condita con sughi grassi e preferite quella preparata con verdure, meglio se in quantità superiore a quella del carboidrato. Prima di ordinare fate domande al cameriere sul modo di cucinare un certo piatto, gli ingredienti, la possibilità di sostituire i grassi con quelli a basso contenuto calorico e, importante, la grandezza delle porzioni.

Antipasto ed insalate a volontà

Non tutti gli antipasti sono da evitare, per esempio possono essere un’ottima scelta quelli a base di frutti di mare e crostacei, meglio se cotti al vapore, oppure quelli vegetariani composti da diverse varietà di verdure alla griglia oppure le gustose zuppe. La combinazione antipasto-insalata rappresenta la migliore scelta per un pranzo o cena purché si eviti di annegare le salutari verdure fresche in condimenti ad alto contenuto di grassi o aggiungendovi formaggio, uova, pancetta o carni grasse. Ordinate la vostra insalata senza condimenti e provvedete personalmente all’operazione evitando di versare l’olio direttamente dal contenitore al piatto perché non potreste rendervi conto della quantità, meglio usare un cucchiaio per dosare. Stesso discorso per il sale che non va mai versato direttamente dalla saliera al piatto. Infine non fatevi attrarre dalla descrizione di insalate che in realtà nascondono bombe caloriche, attenzione dunque a insalate di pollo, insalate di tonno, insalate di patate, insalate di maccheroni, che hanno poco di insalata e sono tutte molte caloriche per il contenuto di maionese, zuccheri e altri grassi.

Frutta e dolce: perche no
Non riuscite a frenare la vostra golosità alla vista di frutta e dessert? Concedetevi un buon frutto ma evitate preparazioni particolari a base di zucchero, liquori dolci, panne, creme, ecc… Gustatevi il sapore naturale di un frutto ben maturo che saprà soddisfarvi meglio di quelli comunque manipolati. E il dolce? Se volete davvero strafare fatelo ma ordinate un dolce semplice, possibilmente senza o con poco burro.

Quelli al cioccolato fondente sono da preferire a quelli al latte. Prendetene poco per volta col cucchiaino ed assaporatelo lungamente, in questo modo darete più tempo alle papille gustative di assaporare il gusto e contemporaneamente vi sentirete più appagati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *